Produrre elettricità con una vernice fotovoltaica. Photon Inside - T3 Innovation

Produrre elettricità con una vernice fotovoltaica. Photon Inside


No comments

Un team di ricercatori italiani, composto da Fabio Cappelli, Antonio Maroscia e Stefano Segato, con la collaborazione dell’Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati (Ismn) del CNR di Bologna, ha sviluppato Photon Inside, una speciale vernice fotovoltaica capace di produrre elettricità catturando la luce solare e che può essere applicata direttamente sulle superfici. La vernice, in fase di prototipazione, è composta da cinque strati sottilissimi (tra i 400 nanomicron e 1 micron di spessore) di cui il primo aderisce alla parete, il secondo e il quarto sono composti da materiale elettricamente conduttivo, il terzo assorbe i fotoni e li converte in energia elettrica, il quinto incapsula gli altri strati.

I ricercatori del Cnr hanno sottolineato che la semplice aggiunta della vernice può trasformare qualunque cosa (dai mattoni di casa alla recinzione del giardino) in un potenziale strumento per produrre energia pulita; inoltre è efficace in ambienti con climi molto diversi fra loro, perché di fatto bastano solo un po’ di luce e il vapore acqueo dell’aria per renderla utilizzabile anche in aree che non hanno sufficiente copertura solare per giustificare l’impiego dei pannelli fotovoltaici.

La vernice Photon Inside è adatta a tutti quei settori in cui è precondizione fondamentale la leggerezza ed è compatibile con qualsiasi superficie, anche vetrata, purché adeguatamente levigata. É resistente agli agenti atmosferici, non presenta alcun impatto ambientale o architettonico, può essere riapplicata quando si degrada.

La commercializzazione di Photon Inside sarà affidata all’azienda austriaca Bleiner Ag. Il suo presidente Thomas Bleiner ha stimato che, con 50 metri quadrati di questa speciale vernice, si realizzano potenzialmente 3 KW di energia. La possibilità di trattare facilmente superfici di grandi dimensioni lascia intravedere l’opportunità di ricavare grandi quantità di energia dalla sua applicazione. Poiché la vernice non contiene silicio, materiale piuttosto oneroso, i suoi costi sono dimezzati rispetto ai tradizionali pannelli fotovoltaici: ad esempio, per una palazzina di tre piani che ospita 6 famiglie, ciascuna con un contratto di circa 3 KW di energia, si dovranno verniciare 288 metri quadrati di tetto e/o facciata per soddisfare la domanda di energia, con una spesa complessiva di 59.400 euro.

Photon Inside risulta indicata non solo per il comparto dell’edilizia, ma anche per settori nautico, aerospaziale e automotive. Verosimilmente, la sua prima comparsa sul mercato avverrà inizialmente in ambito navale, a bordo di yacht, per alimentare le apparecchiature e i motori di emergenza.

In conclusione, i vantaggi di questa speciale vernice rispetto ai prodotti fotovoltaici sembrano enormi: nessun impatto architettonico e ambientale, resistenza agli agenti atmosferici, nessun rischio di furto, possibilità di essere applicata su grandi superfici di qualsiasi natura e, soprattutto, grande rendimento in termini energetici ed economici.

Giuseppe Lacava

Articoli correlati

Commenta articolo