Il programma europeo COSME, tra turismo e ICC - T3 Innovation

Il programma europeo COSME, tra turismo e ICC


No comments

Il Programma per la competitività delle imprese e delle PMI 2014-2020 – COSME mira a promuovere la crescita e a rafforzare la competitività e la sostenibilità delle imprese nell’Unione europea. Lo fa con un nuovo bando per la promozione e lo sviluppo di prodotti turistici tematici transnazionali, collegati alle industrie culturali e creative (ICC), nell’ottica di diversificare ed incrementare la visibilità dell’offerta turistica, migliorando così la competitività del turismo europeo e promuovendo l’immagine dell’Europa come destinazione globale di eccellenza.

A disposizione 2 milioni di euro per finanziare progetti incentrati su esperienze turistiche nuove o esistenti che si basano sul potenziale creativo e di innovazione delle ICC per sviluppare servizi e prodotti. Nello specifico:

  • prodotti turistici tematici transnazionali incentrati su soluzioni innovative, come ad esempio le App di AR (realtà aumentata), utilizzate come interfaccia per esplorare le attrazioni/destinazioni turistiche e per sviluppare nuove modalità di assistenza ai visitatori, la narrazione e la gamification;
  • creazione di reti di cooperazione transnazionale, che facilitano il trasferimento di conoscenze e innovazione, di joint venture e la creazione di toolkit o manuali replicabili;
  • la combinazione di servizi, prodotti e offerte personalizzate, risultante dalla cooperazione tra le PMI del turismo e le imprese delle ICC, nell’ambito di partenariati pubblico-privati;
  • elaborazione di nuove offerte di nicchia, rivolte a un pubblico che trascende i mercati geografici nazionali.

Un esempio di attività ammissibili?
Mappatura di attrazioni, siti, destinazioni turistiche e servizi collegati al turismo che possono essere collegati a un ben identificato tema; sviluppo di prodotti e servizi turistici transnazionali con eccellente potenziale di marketing, che siano attraenti e interessanti per i viaggiatori e gli operatori intra-europei e/o di lunga distanza e che possono continuare ad esistere al termine del cofinanziamento. Creazione di nuove soluzioni tecnologiche o organizzative per attrarre e coinvolgere i visitatori, attuazione di strategie congiunte di comunicazione/promozione e di acquisizione del mercato a medio-lungo termine; sviluppo di attività promozionali creative che offrono informazioni pratiche e strumenti utili per potenziali turisti; attuazione di azioni di sensibilizzazione e disseminazione (ad esempio produzione di audiovisivi, attività di comunicazione, pubblicazioni, siti web, partecipazione a fiere, partnership con i media internazionali, ecc.).

I beneficiari sono le organizzazioni dotate di personalità giuridica attive nel settore del turismo e negli altri settori toccati dal bando. A titolo esemplificativo: autorità pubbliche e loro reti, istituti di istruzione e di formazione, comprese università e centri di ricerca, camere di commercio, agenti di viaggio e tour operator e loro associazioni, organizzazioni no profit/ONG, micro imprese e piccole e medie imprese (PMI) che operano nel settore del turismo o delle ICC; organizzazioni nazionali, regionali e locali per il turismo, agenzie pubbliche e private che si occupano di turismo, promozione del patrimonio culturale o sviluppo regionale.

Il contributo comunitario può coprire fino al 75% delle spese ammissibili per un massimo di 400.000 euro (saranno finanziati circa 5/7 progetti). Il partenariato deve comprendere almeno quattro PMI (due del settore turistico e due dei settori ICC) e una autorità pubblica di livello nazionale, regionale o locale. La durata prevista dei progetti deve essere di 18-24 mesi. La scadenza è fissata al 19/07/2018.

Per ulteriori informazioni: Call for proposal

Valeria Zaccagnino@Vale_Zaccagnino

Articoli correlati

Commenta articolo