PickMeApp, la soluzione di mobilità urbana made in Basilicata - T3 Innovation

PickMeApp, la soluzione di mobilità urbana made in Basilicata


No comments

Sul nostro blog, il racconto di un altro beneficiario dei servizi di T3 Innovation, PickMeApp srl, una delle prime aziende lucane entrate nel percorso di consulenza gestionale e strategica offerto dalla struttura di Trasferimento Tecnologico della Regione Basilicata. Abbiamo incontrato Luciana De Fino, founder e CEO della società, che ci ha raccontato come è nata l’idea, l’avventura imprenditoriale e il supporto ricevuto dai nostri Innovation Advisor.

L’intervista

Di cosa si occupa PickMeApp?

PickMeApp srl è una startup innovativa, operativa dal 2017, che offre una soluzione di smart mobility flessibile e personalizzata. Un servizio complementare al trasporto pubblico locale, pensato per soddisfare le esigenze di mobilità di bambini e anziani, nonché di cittadini con limitata mobilità o disabilità. É possibile accedere ai servizi aziendali previo utilizzo di un’applicazione mobile, disponibile sugli store Android e iOs, che consente di profilare i viaggiatori, definire le esigenze di trasporto (giorno, ora, luogo di partenza, luogo di arrivo), pagare il servizio. L’utilizzo di un braccialetto di tracking dotato di tecnologia RFID, inoltre, consente di monitorare gli spostamenti degli utenti permettendo a genitori e parenti di tracciarne il percorso.

Com’è nato questo progetto imprenditoriale?

Come sempre accade, dall’identificazione di un problema e dal desiderio di risolverlo. La domanda che ci siamo posti è stata: quanto tempo genitori e parenti sono disposti a dedicare per soddisfare le esigenze di mobilità di bambini e anziani, impegnati nello svolgimento delle loro attività ordinarie? Da qui l’idea di semplificare la gestione familiare garantendo un servizio che, oltre ad offrire soluzioni di trasporto, risponde a precise sfide sociali ed ambientali volte a favorire la conciliazione vita-lavoro, la libertà e l’autonomia personale, il miglioramento delle modalità di spostamento urbano e la riduzione dell’inquinamento.

Quali sono i risultati del primo anno di attività?

Nella città di Potenza abbiamo ottenuto 4500 download dell’app con oltre 3200 utenti registrati, più di 1050 viaggiatori profilati e una media di 80 corse al giorno. Un incremento di utenze pari al 10% ogni mese che dimostra un livello di affezione al servizio crescente.

Qual è stato il ruolo di T3 Innovation nel percorso di crescita di PickMeApp?

T3 Innovation, con le sue linee di consulenza strategica dedicate ad impresa, ricerca e startup, ci ha garantito un supporto di alta qualità in diversi ambiti di attività, rispondendo in maniera puntuale alle nostre richieste. La prima occasione di confronto è avvenuta in concomitanza con la partecipazione di PickMeApp all’Italian Innovation Days 2017 ​di Singapore, un meeting promosso da ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. In tale occasione siamo entrati in un percorso di internazionalizzazione, teso a fornire informazioni di contesto (scenario socio-politico ed economico, analisi del settore dei trasporti, analisi di scenario brevettuale) utili al confronto con gli investitori. Inoltre, essendo PickMeApp una startup innovativa, seppur in una fase matura del suo percorso, abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con i mentor della linea startup di T3 Innovation e con quelli di i3P, l’Incubatore del Politecnico di Torino, per quanto riguarda nuovi mercati e strategie di vendita alternative. Ulteriore supporto, infine, è stato garantito mediante lo svolgimento di una ricerca di anteriorità brevettuale finalizzata a verificare la possibilità di proteggere con deposito di brevetto alcune funzionalità del software.

Creare un team efficiente, reperire e gestire le risorse finanziarie, mettere a punto un Mvp (Minimum viable product), e “scalare”. Come affrontare le difficoltà che accomunano le neoimprese?

Fare impresa non è semplice. Farlo, inoltre, con l’aggravante del fattore innovativo che implica una connaturata incertezza del successo, è ancora più complicato. Sin da subito però abbiamo compreso l’importanza delle competenze e abbiamo definito un team diversificato, capace di rispondere a tutte le necessità richieste dal nostro business. A questo abbiamo aggiunto grande determinazione e continua ricerca di soluzioni migliorative di prodotto e di servizio che ci hanno portato a partecipare ad eventi, competizioni, ad incontrare fondi di investimento e a lavorare sul networking. Dopo aver chiuso nel 2017 un primo round di investimento a cui ha partecipato il fondo regionale di venture capital di Sviluppo Basilicata ed una cordata di altri investitori e business angels, abbiamo chiuso, nei primi giorni del mese di agosto, un secondo importante round di investimento del valore di 400mila euro. Oltre II SICAF, fondo nazionale di Venture Capital che investe nelle imprese che producono innovazione a impatto sociale, ha deciso di investire in PickMeApp. Questo nuovo socio ci consentirà di estendere il servizio in altre 5 città d’Italia. Quest’ultimo importante traguardo è per noi la conferma che esiste un interesse a livello nazionale per il nostro servizio e che la strada intrapresa è quella giusta!

Valeria Laurenza

Articoli correlati

Commenta articolo